rss facebook youtube

LOCANDINA 1

 

locandina corso per buttafuori

 Sportello InformaLavoro on line 

 

Adesso sono molto felice e orgogliosa perché rientro in un piccolo numero di persone che hanno avuto una tale opportunità.

Secondo me SVE è utile ai giovani per orientarsi per il futuro, per diventare autosufficienti e indipendenti.

È un’occasione perfetta per dimostrare a se stessi che si possono raggiungere gli obiettivi e stare in piedi da soli.

Fare un anno all’estero è stata per me la migliore decisione che abbia mai fatto!

È fantastico essere in Sicilia, anche se ci sono alcune differenze nello stile della vita.

Per prima cosadal cibo.

Agli Italiani, o più precisamente ai Siciliani, piace mangiare tantissimo!

Fondamentalmente questo è davvero grandioso, perché amo la cucina mediterranea ... se non fosse per i questi piccoli effetti collaterali che rendono i vestiti più stretti!!

Poi il traffico.

Non sono proprio sicurache qui ci siano mai state delle regole o forsequeste non sono ancora arrivati sull'isola. In ogni caso è sempre un'esperienza ... no, direi un'avventura di rischiare la vita per strada.

Poi c'è anche il problema della spazzatura.

Sfortunatamente c’è solo un piccolo numero di persone che fanno la raccolta differenziata e molto spessoquesto non è DENTRO ma ACCANTO alla pattumiera.

Per concludere voglio ricordare che molte persone non sanno parlare inglese, gli appuntamenti non deve essere presi sul serio (a questo bisogna abituarsi prima di tutto se si è tedeschi) e il caffè è molto più corto, ma due volte più forte.

Ma tutto sommato io considero l’Italia uno dei Paesi più belli d’Europa e la Sicilia come un’isola da sogno!

Mi sento fortunataperché con i miei compagni di casa posso ridere, piangere, divertirmi e di tanto in tanto discutere ad alta voce. E poi mi sento fortunata, naturalmente, per la mia organizzazione di accoglienza qui in Sicilia, perchémi sostengono e mi forniscono la possibilità di partecipare a tante iniziative, e per la mia organizzazione di invio in Germania, che ha reso possibile tutto questo per me e mi ha mandato in Italia.

Per il cibo, che è geniale, per il mare, le temperature estive meravigliosamente calde (che non sono iniziate ad aprile),perla possibilità di ospitare amici e per aver potuto viaggiare. E alla fine non bisogna dimenticare che mi sento fortunata per le persone uniche e prodigiose, che ho conosciuto qui e che mi sono entrate nel cuore.

Ho imparato molto, sono diventata più sicura, più rispettosa e aperta ad altri Paesi e tradizioni.

A tutti giovani che pensano di fare questa esperienza direi: FATELA!

Anche se qualche volta avrai nostalgia di casa, il lavoro non sarà divertente o i compagni di stanza saranno fastidiosi, non rimpiangerai mai questa scelta!

Un grande GRAZIE a tutti coloro che mi hanno permesso quest'anno!

Sandra Scheel